Legge Regionale 30 dicembre 2009 , n. 33

Testo unico delle leggi regionali in materia di sanità

(BURL n. 52, 3° suppl. ord. del 31 Dicembre 2009 )

urn:nir:regione.lombardia:legge:2009-12-30;33

Art. 3
(Finalità) (5)
1. La Regione, nell’ottica dell’integrazione delle politiche sanitarie e sociosanitarie con quelle sociali di competenza delle autonomie locali nell’ambito del SSL, attraverso il SSR:
a) tutela il diritto alla salute del cittadino;
b) garantisce adeguati percorsi di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione;
c) sostiene le persone e le famiglie;
d) promuove, in particolare, l’integrazione dei servizi sanitario, sociosanitario e sociale, favorendo la realizzazione di reti sussidiarie di supporto che intervengono in presenza di fragilità sanitarie, sociali e socioeconomiche; le reti sono finalizzate a tutelare il benessere di tutti i componenti della famiglia, anche in presenza di problematiche assistenziali derivanti da non autosufficienza e da patologie cronico-degenerative.
2. Ai fini della presente legge si intende per:
a) servizio sanitario, l’erogazione di prestazioni di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione;
b) servizio sociale, l’erogazione di prestazioni assistenziali di supporto alla persona e alla sua eventuale famiglia;
c) servizio sociosanitario, l’erogazione di prestazioni e servizi a elevata integrazione sanitaria e sociale.
3. La Regione individua e promuove con il piano sanitario, sociosanitario e sociale integrato e con i piani di organizzazione strategico aziendali, di cui all’articolo 17, anche azioni che:
a) favoriscono l’appropriatezza clinica ed economica;
b) garantiscono la parità di accesso alle prestazioni e l’equità nella compartecipazione al costo delle stesse;
c) incentivano la responsabilità della persona e della sua famiglia;
d) contemplano anche il ricorso a forme integrative di finanziamento dei servizi.
4. Per la stesura del PSL la Regione si può avvalere degli organismi di cui all’articolo 5 comma 13 e del dipartimento di coordinamento unico delle ATS istituito presso l’assessorato competente.
5. La Regione nell’ambito delle proprie competenze, in applicazione dei principi di cui all’articolo 2, al fine di garantire un accesso appropriato, unico ed integrato al SSL, definisce, anche attraverso l’introduzione di strumenti di valutazione multidimensionale dei bisogni, le modalità per l’individuazione dell’insieme delle prestazioni sanitarie, sociosanitarie e sociali integrate.
6. La Regione nell’ambito degli interventi sociosanitari garantisce la libertà di scelta e riconosce la persona quale destinatario delle azioni e degli interventi, anche sulla base della valutazione multidimensionale personalizzata del bisogno. A tali fini istituisce anche un sistema di buoni e voucher da destinare agli utenti.
7. L’accesso alla rete delle unità d’offerta sociosanitarie prevede la compartecipazione al costo delle prestazioni per la parte non a carico del fondo sanitario lombardo, nel rispetto della disciplina nazionale inerente i livelli essenziali di assistenza, secondo modalità e criteri stabiliti dalla Giunta regionale. La Giunta definisce, anche individuando forme sperimentali, le modalità e i protocolli per consentire alle persone con bassa capacità reddituale di accedere alla rete di offerta sociosanitaria, anche attraverso la modulazione delle esenzioni e delle compartecipazioni in base al reddito, anche secondo criteri di progressività e in base alla situazione familiare.
Il presente testo non ha valore legale ed ufficiale, che è dato dalla sola pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione Lombardia